Gravel desk, un’introduzione

0
138

Gravel Desk è una rubrica che fornisce un servizio di “benvenuto” che ha come finalità “l’auto orientamento” dei “neo-gravellisti” verso  le soluzioni  più corrette per intraprendere, nel migliore dei modi,  questo “nuovo modo” di andare ed intendere la bicicletta”.

Come in qualsiasi cosa, soddisfazioni, divertimento e buoni risultati arrivano se fin dall’inizio si eseguono le scelte giuste.

I motivi che hanno spinto la creazione di una rubrica sono molteplici, ma in particolar modo il grosso sviluppo del settore stesso della bicicletta sotto ogni suo punto di vista, a partir dalle cose più semplici ed evidenti, come la componentistica,  fino ad arrivare ai dettagli più tecnici inerenti alla struttura e materiali dei telai oppure di vere e proprie soluzioni fuori da qualsiasi schema conosciuto e noto a noi fino ad oggi.

Inoltre ad oggi, grazie all’intervento dei media, ogni ciclo amatore, agonista, appassionato o neofita del settore può recuperare innumerevoli informazioni riguardanti al mondo della bici.

Tutto questo intervento mediatico ha giovato molto alla bici e a tutto ciò che la riguarda.

Ma la domanda che ci siamo posti, quasi a voler vedere l’ altra faccia della medaglia di questo “oceano di informazioni” a portata di click, è:  

il principiante sara’ in grado di orientarsi correttamente in mezzo a questo mare di nozioni?

Sarà inoltre capace di prendere le primissime decisioni a tal punto da non pentirsene e quindi di continuare entusiasta questa sua nuova passione ?

A me piace  dar fiducia alle capacita’ delle persone nel  risolvere da sé i propri affari e in questo caso abbiamo pensato ad un servizio che possa dare un ulteriore sostegno ai loro desideri, o meglio, un “desk”  di indizi base per coloro che vorrebbero velocizzare i tempi di scelta o semplicemente vogliano ragionare assieme a noi  nel modo più corretto ed oggettivo su quelle domande che spesso ci si pone prima di un acquisto o una di scelta importante.

Altro non c’è da aggiungere, se non un benvenuto a tutti i Gravelisti, novizi o veterani, ma anche ai Bikers e Ciclisti “old school” su strada giunti al nostro “Desk” con un unico interesse comune: divertirsi sui pedali.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMichele Pigozzi: il sarto delle biciclette
Prossimo articoloDiavolo Rosso dimentica la strada
Lele Rozza
Cicilista ciccione, cicloviaggiatore randagio. Pedala da anni, approda al gravel perché ci vuole una bici con cui fare tutto quello che serve. Pervicace spinge sui pedali su e giù per le colline dell'Oltrepo nella speranza di perdere peso. Ma alla fine c'è sempre una merenda.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome